Carlo Marega, Titolare dell’atelier Marega, da oltre 30 anni dirige la sua azienda con entusiasmo e meritato successo.

Carlo, muranese di nascita, inizia giovane a lavorare nelle vetrerie di murano. La sua dedizione al lavoro, la sua serietà e il suo fervente desiderio di sperimentazione, lo porteranno ben presto a ricoprire cariche importanti.

In breve tempo, diventa primo assistente del Maestro vetraio, ruolo solitamente destinato a persone con molti anni di esperienza e non a ragazzi neofiti in questo settore .

Dopo alcuni anni trascorsi ad operare tra i forni di Murano, Carlo decide di avviare un’attività in proprio aprendo quello che sarà il suo primo punto vendita.

Nel sua bottega artigiana, forte degli insegnamenti ricevuti dal suo Maestro vetraio, Carlo continua a lavorare il vetro, il vetro a lume.

Le sue abili mani, coadiuvate dal fuoco, creano oggetti di vario genere, vere e proprie creazioni artistiche apprezzate dai visitatori che numerosi, attratti dal fuoco e da quel magma incandescente, assistono sbalorditi al suo lavoro.

Ma il vetro non gli basta.

E ad ispirarlo sarà proprio la sua Venezia, città cosmopolita, città d’arte, città del carnevale, di Casanova e della maschera.

Nelle vetrine della sua bottega, le creazioni artistiche in vetro godono della compagnia di maschere in ceramica e carta pesta. I decori, inizialmente pallidi, timidi, quasi esitanti, cedono il posto a maschere variopinte, riccamente ornate, quasi sfrontate da tanta bellezza e ricerca nel decoro.

Il suo carisma ed il suo entusiasmo sono tali da diffondersi rapidamente contagiando piacevolmente tutte le persone coinvolte nella sua avventura. La produzione aumenta, i punti vendita pure. Lo staff diventa via via più numeroso.

Il suo desiderio di sperimentare nuove vie non si smorza e l’incontro fortuito e casuale con un vecchio amico, artista di teatro, accenderà in Carlo una nuova luce.

Venezia, il vetro, la maschera, il teatro con i suoi magnifici costumi scenici e d’epoca.